Tags:

Artrocentesi quando si esegue

Comment

Approfondimenti

Artrocentesi quando si esegue

I pazienti colpiti da dolori alle articolazioni, limitazione dei movimenti articolari, difficoltà a camminare oppure che risentono di deformità delle ossa, delle articolazioni e delle parti molli possono sottoporsi alla procedura di artrocentesi, utile anche in caso di contusione, distorsione, lussazione o frattura; questa tecnica si può eseguire su mani, piedi, gomiti, ginocchia, polsi, caviglie. Nello specifico l’artrocentesi è una puntura che viene eseguita all’interno dell’articolazione per favorire il drenaggio del liquido in eccesso contenuto all’interno dell’articolazione interessata a flogosi e dolore,  questa puntura viene eseguita sterilmente e non necessita di anestesia in quanto si tratta di una procedura indolore. La procedura viene eseguita in ambulatorio dal reumatologo che inserisce l’ago all’interno della cavità articolare oppure in prossimità di un’articolazione e così asportare i fluidi in eccesso che di solito causano disagio ed immobilità; dopo aver prelevato un campione di liquido dall’articolazione viene sottoposto ad analisi per risalire ai fattori eziologici responsabili della problematica a livello articolare con lo scopo anche di individuare l’approccio terapeutico più efficace.

Pubblicità

Scopi diagnostici e terapeutici della procedura

artrocentesi

artrocentesi

In alcuni casi  l’artrocentesi si esegue sotto guida ecografica se il punto dal quale estrarre il liquido sinoviale risulta difficile da raggiungere, a scopo terapeutico poi la procedura si completa con un’infiltrazione che prevede l’iniezione di farmaci antinfiammatori o corticosteroidi. Mediante il prelievo di liquido sinoviale da una cavità articolare dal punto di vista diagnostico si può evidenziare la causa di alcune malattie alle articolazioni, ma la procedura può essere eseguita anche per drenare del liquido in eccesso, si ricorre ad artrocentesi per evitare l’insorgenza di infezioni ma anche per somministrare alcuni farmaci. Grazie all’artrocentesi è possibile migliorare la funzionalità dell’articolazione, ridurre il dolore in caso di patologia acuta, diminuire il carico articolare, ridurree l’infiammazione, migliorare i movimenti, valutare quali provvedimenti terapeutici intraprendere come ad esempio un’adeguata cura farmacologica e la fisioterapia per controllare le manifestazioni sintomatiche. Tramite l’artrocentesi e l’analisi del liquido sinoviale si può identificare l’eziologia della problematica e la presenza di sangue, agenti patogeni, pus grazie all’analisi microscopica e microbiologica. A scopo terapeutico, l’artrocentesi può favorire la somministrazione di farmaci utili per curare infiammazioni, infezioni, borsite, artrosi, tendinite, gotta; si può ricorrere anche alla somministrazione di acido ialuronico, per migliorare la mobilità e per lubrificare l’articolazione.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.