La scintigrafia total body utile per studiare l’attività metabolica dello scheletro

Comment

Approfondimenti

La scintigrafia total body

La scintigrafia totale corporea conosciuta anche con il nome di scintigrafia total body, quest’indagine diagnostica di semplice esecuzione consente di acquisire le immagini dell’intero apparato scheletrico. La raccolta delle immagini si ottiene utilizzando come apparecchiatura la gamma camera che permette di eseguire una scansione sul corpo del paziente ottenendo delle proiezioni anteriore e posteriore. Nello specifico questo esame di imaging che si esegue nelle strutture di medicina nucleare si serve delle proprietà del radiofarmaco impiegato durante l’indagine che va a fissarsi nell’osso in base alla sue capacità di vascolarizzazione ma anche alla sua azione osteoblastica, ossia sulla possibilità di produrre tessuto osseo. Attraverso l’esecuzione della scintigrafia total body inoltre si può studiare l’attività metabolica dello scheletro potendo così individuare la presenza di eventuali lesioni che vanno ad alterare il processo metabolico dell’osso. L’esame offre anche le condizioni necessaria per eseguire una visualizzazione completa dei vari distretti scheletrici. Per approfondimenti si rimanda all’articolo Scintigrafia ossea controindicazioni: quali sono.

Pubblicità

Perché è un’indagine molto sensibile

scintigrafia total body

scintigrafia total body

Per raccogliere le immagini durante la scintigrafia total body si utilizza un tracciante radioattivo captato dal tessuto osseo evidenziando la mappatura dell’intero apparato scheletrico: il radiofarmaco iniettato si distribuisce nel corpo del paziente attraverso il sangue  per poi fissarsi nell’osso sano dal quale viene captato debolmente, mentre in presenza di lesioni, infiammazioni o tumori, il tracciante viene captato con maggiore intensità. Trattandosi di un’indagine molto sensibile riesce essa può rilevare la presenza di microscopiche fratture delle ossa o di quelle che vengono definite fratture occulte, che possono essere poi monitorare per osservare il processo di saldamento. Lo specialista di medicina nucleare può inoltre  svelare l’insorgenza di tumori che possono colpire l’apparato scheletrico potendoli così valutati anche nella loro estensione, ma la scintigrafia total body permette in seguito di studiare il decorso della metastasi parallelamente all’attuazione della terapia medica prescritta per contrastare il tumore, per valutare la sua validità o la sua inefficienza. Maggiori notizie si trovano su Scintigrafia ossea trifasica: esame diagnostico di medicina nucleare.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.