• Pubblicità
  • Scintigrafia ghiandole salivari: quali patologie permette di diagnosticare

    Scintigrafia ghiandole salivari Attraverso l’esame di scintigrafia delle ghiandole salivari è possibile testare la funzionalità delle ghiandole parotidee e sottomandibolari, invece l’indagine non permette di osservare le capacità funzionali delle ghiandole sublinguali e di quelle salivari minori. Dopo aver iniettato per via venosa il tracciante specifico che è rappresentato dall’isotopo Tc-99m pertecnetato, dalle immagini che vengono […]
    Continua..
  • Scintigrafia prostata grazie all’esame di total body

    Scintigrafia prostata per individuare il tumore Le immagini offerte dalla scintigrafia total body permettono di acquisire informazioni sul metabolismo osseo rivelando la presenza di patologie ed infatti questo esame di scintigrafia è in grado di valutare l’estensione del cancro alla prostata. La scintigrafia ossea grazie all’uso di radiofarmaci specifici permette di evidenziare la presenza di eventuali […]
    Continua..
  • Scintigrafia coronarica per la diagnosi differenziare tra Parkinson e parkinsonismo

    Scintigrafia coronarica e scenari diagnostici La scintigrafia coronarica permette di acquisire delle immagini del muscolo cardiaco che si illumina durante la fase di captazione del tracciante 123MIBG da parte del miocardio, proprio grazie a questo tracciante radioattivo che si fissa nel muscolo cardiaco è possibile formulare un’importante diagnosi: lo specialista di medicina nucleare potrà infatti […]
    Continua..
  • La scintigrafia cerebrale DAT scan: la sua utilità

    La scintigrafia cerebrale DAT scan La DAT scan è una tecnica di scintigrafia cerebrale caratterizzata dall’uso di specifiche sostanze radioattive capaci di fissarsi alle terminazioni nervose dopaminergiche, consentendo di valutare se si evidenzia una perdita di terminazioni neuronali nel corpo striato e nella substantia nigra di pazienti colpiti da alcune forme di Parkinson non facili […]
    Continua..
  • Scintigrafia al cuore: SPET miocardica di perfusione

    Scintigrafia al cuore: la distribuzione del tracciante Grazie alle capacità radioattive dell’isotopo utilizzato come tracciante nel corso dell’esame di scintigrafia al cuore è possibile visualizzare una mappatura del percorso del radiofarmaco immesso nel corpo del paziente che si fissa sul tessuto del cuore permettendo di evidenziare il suo funzionamento dal punto di vista fisiologico, inoltre […]
    Continua..
  • La scintigrafia total body utile per studiare l’attività metabolica dello scheletro

    La scintigrafia total body La scintigrafia totale corporea conosciuta anche con il nome di scintigrafia total body, quest’indagine diagnostica di semplice esecuzione consente di acquisire le immagini dell’intero apparato scheletrico. La raccolta delle immagini si ottiene utilizzando come apparecchiatura la gamma camera che permette di eseguire una scansione sul corpo del paziente ottenendo delle proiezioni […]
    Continua..
  • Scintigrafia polmonare: il suo campo d’indagine

    Scintigrafia polmonare: le informazioni che fornisce Per la diagnosi di alcune patologie il medico può prescrivere una scintigrafia polmonare grazie alla quale è possibile visualizzare i vasi polmonari, fornendo inoltre delle informazioni utili che permettono di osservare come si verifica la distribuzione del sangue nei polmoni, ma questo esame valuta anche il percorso dell’aria durante la […]
    Continua..
  • Scintigrafia renale sequenziale come si esegue

    Scintigrafia renale sequenziale: i traccianti impiegati Attraverso l’esecuzione dell’indagine diagnostica di scintigrafia renale sequenziale è possibile valutare il flusso sanguigno fino al rene, ma allo stesso modo l’esame permette di raccogliere informazioni sul funzionamento dei reni considerati singolarmente, consentendo anche di valutare il flusso urinario. Nel corso dell’esame vengono iniettati al paziente per endovena, dei […]
    Continua..
  • Scintigrafia renale: modalità di esecuzioni

    Scintigrafia renale come si svolge l’indagine Attraverso la somministrazione di alcuni radiofarmaci specifici, attualmente il tracciante di gran lunga più utilizzato per eseguire la scintigrafia renale è il 99mTc-DMSA (acido dimercaptosuccinico), che si fissano nella corticale dei reni, si rende visibile la captazione del radiofarmaco nel parenchima renale, così grazie a quest’indagine diagnostica è possibile […]
    Continua..